Premio Sergio Vecchi

XXII PREMIO LUNIGIANA STORICA 2012
PREMIO SPECIALE “SERGIO VECCHI”
Cenni biografici
Il dott. Sergio Vecchi (Firenze 1918- La Spezia 1982), dopo aver preso parte alla campagna sul fronte greco-jugoslavo ed esser stato assegnato alla difesa costiera versiliese (conferimento croce di ferro), con l’8 settembre 1943, ritornato a Firenze, entrò, contemporaneamente, nelle Brigate partigiane (certificato di patriota conferito dal gen. Alexander) e, come ufficiale, nella Polizia Ausiliaria, con il compito di costituire un gruppo di agenti per azione di informazione e sabotaggio; conseguiva nel frattempo la laurea in Scienze Politiche presso la Facoltà “Cesare Alfieri”.

Alla fine della guerra passò alla Squadra Mobile fiorentina con il grado di vicecommissario; seguì con successo, nell’inquieto dopoguerra, diversi eclatanti casi di cronaca nera. Fu poi dirigente della Squadra Politica a Siena e quindi alla Spezia, dopo un triennio passato a San Sepolcro con il compito di istituire il Commissariato della Val Tiberina, ricevendo numerosi encomi e il cavalierato della Repubblica.

Affrontati con fermezza e coraggio gli anni turbolenti delle manifestazioni di piazza, nel corso delle quali riportò anche lesioni per cause di servizio, nei primi anni ’70, promosso vicequestore, con l’inizio dell’epoca delle stragi e della lotta armata, sempre coerente nel suo profondo senso di rispetto dello Stato, ma con una forte capacità di saper distinguere e giudicare, scelse, con amara ponderazione, il congedo anticipato.

Trascorse quindi buona parte dei suoi ultimi anni nella serenità della Valdantena, che tanto amava. Nel trentennale della morte la famiglia intende ricordare, con questo premio in memoria, il suo amore per l’alta Lunigiana.