Tesi di Laurea e Dottorato di Ricerca (Elenco Vincitori)

Premio “Lunigiana Storica”
Elenco Vincitori
dal 1984
della Sezione A – Tesi di Laurea
e della Sezione B – Giornalismo e Documentari Televisivi.

1984

Sezione A – Sezione Tesi di Laurea: Riccardo Canesi, Una Tipologia agraria della Provincia di Massa Carrara, Università di Pisa.

Sezione B – Sezione giornalismo e documentari televisivi: vincitori ex aequo Michela Dazzi, Il castello crolla, RAI 2; Federico Orlando, Lunigiana una regione dell’anima, “Il Giornale nuovo”; Giacomo Scaramazza, per la serie di articoli pubblicati su “La Libertà”.

1985

Sezione A – Sezione Tesi di Laurea : Alessandra Risso, Economia e società della Lunigiana nel basso Medioevo, Università di Genova; Marina Filannino, Carte dell’Archivio Capitolare di Sarzana (1095-1320), Università di Pisa.

Sezione B – Sezione giornalismo e documentari televisivi: Arnaldo Bagnasco e Grazia Galardi, Viaggio in Lunigiana, RAI 3; Giorgio Martellini, Genti e storie della Lunigiana, “Il Gazzettino” (Venezia); Piero Pastorino, per la serie di articoli pubblicati su “Il Lavoro” (Genova).

1986

Sezione A – Sezione Tesi di Laurea : Mauro Lombardi e Gianpiero Ribolla, Piani di recupero tipologico di tre nuclei storici della media Val di Magra, Università di Firenze.

Sezione B – Sezione giornalismo e documentari televisivi: Claudio Angelini, Il triangolo del libro, RAI (Tg l’una); Antonietta Cascini, Lunigiana, “Natura Oggi” (Milano); Enzo Bucchioni, per la serie di articoli su “La Nazione” (Firenze).

1987

Sezione A – Sezione Tesi di Laurea : Enrico Saperdi, Indagini geofisiche in archeologia: applicazioni del metodo elettrico e magnetico nell’area di Luni, Facoltà di Scienze dell’Università di Genova.

Sezione B – Sezione giornalismo e documentari televisivi: Marco Hagge, Il Centocastelli, RAI 3 (Sede Regione Toscana); Mariagrazia Cucco, Lunigiana: rivivono i guardiani di pietra, “Famiglia Cristiana” (Milano); Alice Vollenweider, Pontremoli und Stelenmuseum, “Nue Zurcher Zeintung” (Zurigo).

1988

Sezione A – Sezione Tesi di Laurea : Federica Taravacci, Un’area di recente sviluppo industriale: la bassa Val di Magra, Facoltà di Economia e Commercio dell’Università di Firenze.

Sezione B – Sezione giornalismo e documentari televisivi: Sapo Matteucci, Una meteora di Medioevo. Il borgo di Bagnone, “Bell’Italia”; Paolo Lingua, Lunigiana, mille e un tesoro, “La Stampa”; Giovanna Bernardini, per la serie di articoli pubblicati su “L’Unità”.

1989

Sezione A – Sezione Tesi di Laurea: Marco Diafferia, Il Clero e la Resistenza in Alta Lunigiana attraverso i Libri cronistorici parrocchiali, Facoltà di Lettere dell’Università di Genova.

Sezione B – Sezione giornalismo e documentari televisivi: Chiara Beria di Argentine, La Terra della Luna, “Ulisse 2000”; Antonino Ronco, Arcani messaggi dell’alba della Storia, “Il Secolo XIX”; Grazia Galardi e Giorgio Bubba, “Lunigiana: terra di pietre dimenticate”, RAI 3.

1990

Sezione A – Sezione Tesi di Laurea: Stefano Calabretta, Il Castello di Madrignano, Facoltà di Architettura dell’Università di Firenze.

Sezione B – Sezione giornalismo e documentari televisivi: Maurizio Beretta, Pontremoli. Tra libri e tradizioni, “Ulisse 2000”. Almo Paita, Alessandro Malaspina. Vinse gli oceani ma fu sconfitto dall’uomo, “Historia”. Marco Hagge, A volo sulla Lunigiana, RAI 1, “Uno Mattina”.

1991

Sezione A – Sezione Tesi di Laurea: Pier Luigi Garuglieri, Un fiume da salvare. Ipotesi di pianificazione per un parco fluviale del Magra, Facoltà di Architettura di Firenze.

Sezione B – Sezione giornalismo e documentari televisivi: Friedhelm Gröteke, Stichwort zur Kunst. Die Lunigiana-Stelen-statuen, “Merian”. Luisa Sandrone, Liguria tra cielo e mare, “Famiglia Cristiana”.

1992

Sezione A – Sezione Tesi di Laurea: Barbara Sisti, “L’arredo sacro della chiesa di San Nicolò di Caprigliola”, Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Firenze.

Sezione B – Sezione giornalismo e documentari televisivi: Giorgio Batini, “Magra, la nobildonna”, Toscana Qui. Ugo Gregoretti, “Gioco della morra a Bibula”, RAI TRE.

1993

Sezione A – Sezione Tesi di Laurea: Cristina De Bernardi, L’epistolario di un contadino Lunigianese emigrato negli Stati Uniti, Università degli Studi di Genova. Nadia Simonelli, Il Borgo di Castiglione del Terziere, Università degli studi di Genova.

2000

Sezione A – Sezione Tesi di Laurea: Francesca Lazzerini, Le comunità rurali della Lunigiana attraverso gli Statuti del XIII e del XIV secolo, Università degli Studi di Firenze.

2001

Sezione A – Sezione Tesi di Laurea: Stefania Corsini, Massa di Lunigiana al tempo di Alberico I: la comunità e il principe, Università degli Studi di Pisa.

2002

Sezione A – Sezione Tesi di Laurea: Immacolata Pesce, Concubinaggio, violenze ed eresie: l’attività del tribunale Ecclesiastico di Luni-Sarzana all’epoca del Concilio di Trento, Università degli Studi di Pisa. Evelina Bellotti, Il copialettere spagnolo di Alessandro Malaspina nel viaggio di circumnavigazione della Fregata “Astrea” 1786-1788, Università degli Studi di Parma. Fabrizio Federici, “Qual redivivo Augusto” il Cardinale Alderano Cybo (1613-1700) mecenate e collezionista, Università degli Studi di Pisa.

2003

Sezione A – Sezione Tesi di Laurea: Claudio Corradi, La percezione del golfo della Spezia nella difesa della Repubblica di Genova e nella politica navale dell’Impero Napoleonico: due strategie a confronto, Università degli Studi di Pisa. Cecilia Ferrara, Il governo del marmo: per una storia di Carrara dal 1929 al 1948, Università degli Studi di Firenze. Chiara Zavattaro, La chiesa di S. Maria del Popolo a Pontremoli, Università degli Studi di Pisa.

2004

Sezione A – Sezione Tesi di Laurea: Paolo Bruni, “Per visibilia ad invisibilia” il trittico reliquiario di Fivizzano, Università degli Studi di Parma. Raffaella Del Monte, I processi agli anarchici del 1894 nella Provincia di Massa Carrara. Stato d’assedio e tribunali militari: strumenti di repressione del dissenso politico nell’Italia liberale, Università degli Studi di Pisa. Fabio Pizzica, Valutazione della risposta sismica locale nell’area urbana di Licciana Nardi (MS), Università degli Studi di Chieti.

2005

Sezione A – Sezione Tesi di Laurea: Matteo Adami e Andrea Casadei Una realtà urbana disgregata: aree dismesse, aree interstiziali irrisolte, relitti del paesaggio agrario come occasione per un progetto di recupero, Università degli Studi di Firenze. Antonella Bersanelli, Analisi del borgo murato di Filetto, Università degli Studi di Genova. Lara Consani, Peleobiologia dei soggetti di una società medioevale rinvenuti presso la chiesa di S. Caprasio ad Aulla: aspetti storici e fenomena biologici, Università degli Studi di Pisa. Antonio Mameli, Pasquale Binazzi “agitatore libertario” (1873-1944), Università degli Studi di Pisa. Alessia Saracino, La regione non ricombinate del cromosoma Y come strumento per lo studio della storia demografica della Lunigiana, Università degli Studi di Pisa.

2006

Sezione A – Sezione Tesi di Laurea: Anna Bellato, Lingua e stile in Fantoni, Università degli Studi di Padova. Annalisa Pellegrini, Il museo audiovisivo della Resistenza delle province di Massa Carrara e La Spezia, Università degli Studi di Pisa. Daniele Tosi, “Voluzione giuridica negli Statuti di Treschietto” “Storia del Diritto Italiano”, Università degli Studi di Parma. Daniele Ferdani, I castelli nella media e alta Lunigiana. Il contributo dell’archeologia dell’elevato, Università degli Studi di Parma.

2007

I Premio di 2.000,00 euro, per la sezione Tesi di Lauree specialistiche, è stato assegnato alla tesi di Giacomo Ribolla “LA TENUTA E IL BORGO FABBRICOTTI A MARINELLA DI SARZANA. CONSERVAZIONE E RIUSO TERRITORIALE URBANO”, da cui si evidenzia un quadro di intervento e di progettazione particolarmente attento alla salvaguardia dell’ambiente circostante e mirato alla valorizzazione dei “segni storici” e delle potenzialità intrinseche del territorio stesso. Lo studio raggiunge il massimo della considerazione nella rappresentazione grafica della nascita e dell’evoluzione del Borgo di Marinella.
II Premio di 1.000,00 euro è stato assegnato a Elisa Tizzoni con la Tesi “CITTA’ E CAMPAGNA: LO STUDIO DELLO SPAZIO RURALE PROSSIMO ALLA CITTA’ NEL TERRITORIO DI SARZANA”, uno studio di grandissimo interesse attuale, legato ai temi della ruralità in una visione decisamente europea.
Il Premio Siro Rocchi quest’anno è stato assegnato alla tesi di Giorgia Moretto “LA CHIESA DELLA SS. ANNUNZIATA DI PONTREMOLI. PERCORSO STORICO ARTISTICO”, una ricerca coinvolgente, curiosa, da cui traspare un intervento vero volto alla conoscenza del patrimonio artistico della SS. Annunziata.
Per la sezione Dottorato di ricerca è stato premiata, al primo posto, la tesi “PERICOLOSITA’, RISCHIO DI FRANA E PIANIFICAZIONE. UN CASO DI STUDIO NEL BACINO DEL FIUME MAGRA”di David Giuntini, un lavoro dettagliato, innovativo sperimentale, utile fornendo un quadro conoscitivo esaustivo dei caratteri geologici e geomorfologici del bacino del fiume Magra.
La giuria ha, poi, ritenuto opportuno assegnare il II Premio a Patrizia Meli con la tesi “ GABRIELE MALASPINA MARCHESE DI FOSDINOVO: IL CONDOTTIERO E IL POLITICO”, una fedele presentazione della Lunigiana sotto l’aspetto geografico, commerciale, politico, arricchita dalla ricostruzione storica dei maggiori feudi di questo territorio.

2008

I Premio di 2.000,00 euro, per la sezione Tesi di Lauree specialistiche, è stato assegnato alla tesi di Lucia Pellegri “LA MINIERA DI CERCHIARIA (LA SPEZIA): CONTENUTO IN MANGANESE NELLE PIANTE E NEI SUOLI”, da cui si evidenzia uno studio particolarmente innovativo, un’indagine scientifica svolta con rigore e completezza legata alla decontaminazione dei suoli inquinati da metalli pesanti, in particolare dal manganese.
II Premio di 1.000,00 euro è stato assegnato a Francesco Bola con la Tesi “L’ABBAZIA DI SAN CAPRASIO AD AULLA: ANALISI CRITICA DELLE EVIDENZE MEDIEVALI”, un’opera rigorosa e ben strutturata sulla storia dell’Abbazia di San Caprasio dall’884 al 1917.
Premio Siro Rocchi quest’anno è stato assegnato alla tesi di Alessandro Macchio “LA CULTURA MATERIALE NEI MUSEI ETNOGRAFICI DELLA PROVINCE DELLA SPEZIA E MASSA CARRARA – CARATTERI GENERALI E COSTANTI ETNOGRAFIE – ”, per avere affrontato un tema estremamente importante rivolto al fenomeno dell’associazionismo culturale che ha prodotto i musei etnografici di Massa, Lunigiana e La Spezia, richiamando l’attenzione su queste importanti strutture locali. E’ un lavoro originale che porta un messaggio per lo sviluppo del territorio, che potrebbe essere una risposta locale al fenomeno della globalizzazione .
Per la sezione Dottorato di ricerca è stato premiata la tesi “GIOVANNI BARATTA (1670-1747) DALLA TOSCANA ALL’EUROPA AL SERVIZIO DI PRINCIPI E ARISTOCRATICI” di Francesco Freddolini, un vero e proprio saggio su l’argomento più interessante della storia della scultura lunigianese. E’ un ampio e documentato lavoro che evidenzia un mondo culturale estremamente importante.

2009

Il Premio di 2.000,00 euro, per la sezione Dottorato di Ricerca è stato assegnato alla Tesi di Anna Bellato “Le odi di Giovanni Fantoni. Edizione critica e commentata” dell’Università di Udine: un lavoro prezioso, ottimamente riuscito, uno studio corredato di un apparato critico, importante, un’edizione completa con arricchimento di indagine, di commento ed analisi filologica .
Il Premio di 1.500,00 euro per la sezione Tesi di Lauree Magistrali è stato assegnato a Selene Pellistri “La scultura a Sarzana. Il XIV secolo” dell’Università di Genova: da cui si evidenzia un lavoro minuzioso ed ineccepibile, un’analisi esaustiva della scultura sarzanese del trecento.
Per le tesi triennali il Premio di 1.000,00 euro è stato assegnato alla tesi di Fabio Folloni “Gli ospedali di passo nell’alta Lunigiana medievale. San Bartolomeo del Borgallo, Santa Maria della Cisa e San Giacomo di Pracchiola detto l’Ospedaletto” dell’Università di Firenze: una ricerca ben articolata sui tre ospitali di valico, un lavoro meritevole che fornisce un tassello mancante nel quadro degli ospedali di passo lunigianesi.
Il Premio Siro Rocchi quest’anno è stato assegnato alla tesi di Lorenzo Ratti “Il castello di Tresana in Lunigiana. Lineamenti di recupero” dell’Università di Firenze: un accurato lavoro di ricerca, uno studio completo sulla struttura castellana lunigianese che porta un messaggio per lo sviluppo territoriale.

2010

ha dichiarato vincitrice, per quelle di Dottorato di ricerca, la tesi di Andrea Bernardini dal titolo Ai confini della Repubblica. Il dominio di San Giorgio in Lunigiana (1476-1500), discussa presso l’Univ. di Pisa.
Tra le numerose Tesi di Laurea Specialistiche o Magistrali il Premio è stato assegnato a quella di Michela Bassanelli, Geografie dell’abbandono. Il caso della valle di Zeri, discussa presso la Facoltà di architettura del Politecnico di Milano.
Per le Tesi triennali il Premio è andato a Valentina Bertolini, per la tesi Francesco Antonio del Medico (1727-1813), discussa presso la Facoltà di Lettere e filosofia dell’Univ. di Pisa
Il Premio speciale “Siro Rocchi”, che prevede anche la pubblicazione di una rielaborazione della tesi, è stato attribuito a Paola Uberti per Il coro ligneo di Luchino Bianchino nella chiesa di S. Francesco a Pontremoli, discussa presso la Facoltà di lettere e filosofia dell’Univ. di Parma.
Per la Sezione Giornalismo e documentari televisivi è stato premiato Marco Hagge per i documentari Le fortezze sorelle e La Strada tra i fiumi, entrambi trasmessi nella rubrica “Bell’Italia” (Rai3) rispettivamente il 20 febbraio e 23 ottobre 2010. La Giuria ha parimenti premiato Davide Costantini e Daniele Ceccarini per il documentario La cattedrale di Sarzana. Un tesoro della Lunigiana, messo in onda da Teleliguria Sud il 14 dicembre 2010; Piero Donati, per l’articolo Un tesoro sconosciuto. Le “Maestà” della Lunigiana, pubblicato il 17 dicembre 2010 su “La Gazzetta della Spezia e Provincia”.

2012

È risultato vincitore per la Sezione riservata ai Dottori di ricerca (€ 2.500) Fulvio Landi con la tesi Tra realtà e rappresentazione: il modello dell’Isola Palmaria per la valorizzazione dei paesaggi storici, discussa presso l’Univ. di Genova: un contributo di indubbio valore scientifico in ambito storico e cartografico, in grado però anche di fornire preziose indicazioni per il presente e per il futuro dell’isola.
Tra le numerose tesi di laurea magistrale (€ 2.000) è stata premiata quella di Maria Cristina Pippo, La Madonna delle Grazie di Massa: nascita e diffusione di una devozione alla fine del ‘600, mentre il Premio per le tesi triennali (€ 1.500) è stato assegnato a quella di Lina Pecini, Beni sociali e transumanza in Lunigiana in età moderna e contemporanea, entrambe discusse presso la Facoltà di Lettere e filosofia dell’Univ. di Pisa.
Il Premio speciale “Siro Rocchi” (€ 1.000), che prevede anche la pubblicazione di una rielaborazione della tesi, è andato a Giacomi Finali per la tesi Il castello di Lusuolo: una proposta di riuso e riqualificazione (Facoltà di Ingegneria dell’Univ. di Pisa); quello intitolato a “Sergio Vecchi” (€ 1.000) è stato assegnato a don Luca Franceschini per la tesi Matrimoni e separazioni a Massa Carrara tra Restaurazione e Unità d’Italia. Il declino dell’intervento ecclesiastico sui conflitti coniugali (Facoltà di Lettere e filosofia dell’Univ. di Pisa).

2013
Tra le numerose tesi di laurea magistrale è stata premiata (€ 1.500) quella di Folloni Fabio, Il nucleo di monete e medaglie devozionali dalla chiesa di San Nicolò a Villafranca in Lunigiana, mentre il Premio per le tesi triennali (€ 1.000) è stato assegnato a quella di Mariamaddalena Blandini, I Bergamini: uno sguardo al di là delle Alpi Apuane (entrambe discusse all’Univ. di Parma).
Il Premio speciale “Cesare Vasoli” (€ 1.000) è stato attribuito a Silvia Simonini per la tesi triennale Studio dei registri mercuriali del comune di Bagnone dal 1848 al 1859 durante il dominio del ducato di Parma, mentre il Premio speciale “Siro Rocchi” che prevede la pubblicazione di una rielaborazione della tesi, è andato a Francesca Andrei per la tesi magistrale L’ex monastero delle Clarisse di Santa Maria del Castellaro a Codiponte: ricerca storico iconografica, rilievo topografico ed architettonico ed ipotesi di riuso funzionale (entrambe Univ. di Parma).
La Giuria ha ritenuto inoltre di conferire, per il valore delle analisi e delle ricerche, una menzione particolare e una targa a Lorenzo Santelli per la tesi specialistica Progettare a misura di bambino nel segno di Maria Montessori. La scuola dell’infanzia presso la Pieve di San Venerio alla Spezia (Univ. Pisa); a Lorenzo Berti per la tesi specialistica Un Parco archeologico per la città di Luna: proposta progettuale e nuovi indirizzi di pianificazione del paesaggio (Univ. Genova); a Gianna Pannocchi per la tesi triennale Il rischio idrogeologico: lo studio del territorio di Pontremoli (Univ. Firenze).
La Sezione “Giornalismo, Materiali multimediali e documentari televisivi” (€ 1.500) è stata vinta da Daniele Ceccarini per il documentario La Lunigiana: Licciana Nardi, la via del Santo Volto e la Via del Sale, trasmesso da Tele Liguria Sud.